Camere test per banchi e armadi refrigerati per esposizione
e vendita di prodotti alimentari (UNI 23953 – ex EN 441)

Le nostre camere test per banchi e armadi refrigerati per esposizione e vendita di prodotti alimentari (UNI 23953 – ex EN 441) sono progettate e realizzate per garantire le condizioni di prova atte a verificare che siano soddisfatti i requisiti per la costruzione, le caratteristiche e le prestazioni dei banchi e armadi refrigerati per esposizione e vendita di prodotti alimentari.

Garantiamo:

  • Omogeneità delle condizioni termo-igrometriche in ogni punto della camera, grazie ad una distribuzione dell’aria a flusso orizzontale.
  • Stabilità di tutti i parametri nell’intero volume della camera mediante, grazie alla parete di mandata aria realizzata in modo da permettere un flusso d’aria omogeneo e a velocità costante

A seconda delle esigenze, è possibile:

  • Equipaggiare le camere con una centrale motocondensante che permette di effettuare i test per apparecchiature con unità di condensazione remota. La portata di refrigerante sottoraffreddato prodotto dalla centrale motocondensante e inviato all’apparecchio in prova, viene misurata attraverso un flussimetro massico in modo da ottenere la resa dell’apparecchiatura.
  • Integrare un sistema di acquisizione dati che permetta di generare una reportistica contenente i dati principali delle prove e i calcoli relativi all’efficienza dei prodotti sottoposti a test.

Camere test frigoriferi domestici (EN 62552)

Le nostre camere test frigoriferi domestici (EN 62552) sono progettate e realizzate in modo da garantire le condizioni di prova per la valutazione delle caratteristiche e delle prestazioni di frigoriferi domestici raffreddati per convezione naturale interna e con ventilazione forzata.

Grazie a una distribuzione dell’aria a flusso verticale, si garantisce l’omogeneità delle condizioni termo-igrometriche in ogni punto della camera.

Al fine di mantenere condizioni di stabilità nell’intero volume della camera, l’aria viene distribuita attraverso pannelli microforati appositamente progettati.

A seconda delle esigenze, è possibile:

  • Costruire l’impianto sia con trattamento aria interno camera che esterno.
  • Equipaggiare le camere con appositi rilevatori e un sistema di evacuazione che si attivi in caso di fuoriuscita di refrigerante infiammabile dai frigoriferi domestici.
  • Integrare un sistema di acquisizione dati che permetta di generare una reportistica contenente i dati principali delle prove e i calcoli relativi all’efficienza dei prodotti sottoposti a test.

Sale prove per recuperatori di calore aria-aria (EN 308 + EN 13141-7)

Ambienti progettati e realizzati in modo da garantire le condizioni di prova per la valutazione delle prestazioni di efficienza per dispositivi di recupero calore aria-aria destinati all’uso domestico.

Camere test per pompe di calore per la produzione di acqua calda sanitaria (EN 16147)

Le nostre camere test per pompe di calore per la produzione di acqua calda sanitaria (EN 16147) sono progettate e realizzate in modo da garantire le condizioni di prova per la valutazione delle prestazioni e dei requisiti per la marcatura delle pompe di:

  • calore aria/acqua,
  • miscela incongelabile/acqua
  • acqua/acqua
  • terreno/acqua

con compressore elettrico comprendenti o connessi ad un serbatoio di acqua calda sanitaria.

A seconda delle esigenze, è possibile:

  • Integrare un sistema di acquisizione dati che permetta di generare una reportistica contenente i dati principali delle prove e i calcoli relativi all’efficienza dei prodotti sottoposti a test.

Camere test per scaldaacqua ad accumulo in pressione (EN 12897)

Le nostre camere test sono progettate e realizzate in modo da garantire le condizioni di prova per la valutazione delle prestazioni per scaldaacqua ad accumulo in pressione (chiusi), riscaldati indirettamente, di capacità fino a 2 000 l, idonei ad essere collegati ad una adduzione di acqua avente pressione tra 0,05 MPa e 1,0 MPa (0,5 e 10 bar), e dotati di dispositivi di sicurezza e controllo progettati per prevenire temperature di funzionamento maggiori di 95°C dell'acqua potabile stoccata.

A seconda delle esigenze, è possibile:

  • Integrare un sistema di acquisizione dati che permetta di generare una reportistica contenente i dati principali delle prove e i calcoli relativi all’efficienza dei prodotti sottoposti a test.

Sfoglia la gallery